Soke FUMON TANAKA

"BUN BU ITTAI"

 

 

 

BUN BU ITTAI

 

Per il ritorno dalla Romania di Soke Fumon Tanaka, Shihan Okino e Shike Spartaco Bertoletti , si sono organizzati due incontri con il seguito di pochi adepti ed alcuni componenti del GSB Team.

È una porta che si apre verso la storia,  la vera tradizione del Budo,  lo spirito del Bushido.

Un balzo nel passato in cui  l’etichetta e lo spirito erano basilari per un vero Bushi.

La tecnica era parte, sicuramente importante per ” la vita e la morte”, ma non sufficiente per rappresentare un Samurai.

Martedì 27 novembre il neo Shihan  Francesco Palandri organizza a Cologno Monzese il primo appuntamento con Soke Tanaka , Shihan Okino e Shike Bertoletti.

Koden Enshin ryu un’antica scuola di spada in cui si può notare la derivazione di tante altre scuole più conosciute.

Si allena sull’estrazione (kiri tsuke o nuki tsuke o batto a secondo delle scuole) e al  rinfodero della Katana o dello Iaito (noto) in vari modi, con la mano destra, la sinistra, con rotazione della spada, rotazione del corpo…una varietà incredibile, ma tutte con una logica impressionante (un Samurai che aveva la mano destra occupata, deve saper estrarre anche con la sinistra).

Allenamenti in coppia, per il taglio (Suemonogiri), per lo spirito, per la forma, l’atteggiamento, la postura,.

Insomma insieme alla tecnica un’infinità di “orpelli”, di finezze, di particolari per entrare nel mondo della “nobile spada”, madre di tutte le armi.

Gli ospiti invitati Istruttori e Maestri di varie discipline rimangono affascinati e colpiti dal carisma di Soke , dalla gentilezza di Shihan Okino  e dall’instancabile Shike Bertoletti che organizza, traduce, insegna e si allena, per fortuna che almeno per le foto c’è il neo Shihan Julitta che si prodiga in varie posizioni da manuale (35 anni di arti marziali non sono acqua), per immortalare tutti noi nelle nostre performance da Samurai (ma per immortalare se stesso nelle sue performance dovrà ancora allenarsi).

Ai partecipanti del GSB Team e ospiti presenti non manca lo spirito e la voglia di imparare, i loro sentimenti sono rimasti puri e il loro cuore si riempie di speranza nel constatare che ancora si possono trovare Maestri di uno spessore inusuale e che non sono interessati al numero di partecipanti, ma solo alla loro qualità: il cuore.

Foto di gruppo, firma dei diplomi, visione e valutazione di spade antiche portate dai vari partecipanti, e cena a base di pesce sono lo scenario che determinano, la fine del “primo incontro”.

E’ Sensei Luigi Cattaneo che organizza  la “seconda serata”

Luigi, sempre presente e attivo, un Sensei dal grande cuore, disponibile, pronto a mettere a disposizione tutto “sé stesso”.

Qualche defezione dei componenti del GSB Team, poche altre presenze fra gli invitati .

È un Keiko  particolare: “TENSEN il ventaglio”, fulcro di questo “ritorno al passato” . La postura, il movimento, la camminata, le rotazioni, la coordinazione, lo sguardo e immancabilmente lo spirito sono principi fondamentali per l’uso del tensen... Dopo più di un’ora a destreggiarsi con il ventaglio, ecco che si scopre che le stesse movenze, rotazioni e applicazioni eseguite bisogna “trasportarle” nella spada, e non solo,  gli stessi movimenti e rotazioni si dovranno applicare nel taglio del bambù (suemonogiri). Soke Tanaka e Shihan Okino dimostrano come ci si deve muovere e il tuffo nel passato è completato: “un Samurai si muove così”!...

La lezione termina e i rituali si ripetono. La casa (un tempio delle arti marziali) di Sensei Cattaneo ci ospita per la cena a base di sushi, gorgonzola, torta e naturalmente vino e birra.

Il pennello di Soke Tanaka “riempie” i fogli che i vari Maestri presenti gli sottopongono; addobbare la casa od il dojo con “i lavori del Soke” è divenuto un rito .

La porta si chiude: la mattina dopo Soke Tanaka e Shihan Okino  partiranno per tornare nella patria dei Samurai, ma il cuore di tutti noi rimarrà aperto, in attesa che Soke torni a donarci  “BUN BU ITTAI”.

 

Francesco Palandri